Società

Per un capodanno più equo

Ci sono pro e contro nel capodanno, come in tutte le cose, in maniera particolare se decidi di organizzare una festa in casa. Benché possa sembrare una soluzione comoda, certamente è complesso farlo, in maniera particolare se si vuole cercare di essere quanto più sostenibili in assoluto. Che tu stia festeggiando un capodanno a Milano, a Roma o a Napoli, ecco alcuni consigli validi per tutti per festeggiare il Capodanno in maniera equa, migliore.

Scegli un menu locale. Certo, i lamponi sono ottimi nello champagne, ma probabilmente non si trovano in questa stagione, quindi scegli frutta di stagione. Opta per vini e birre locali, e se non riesci a trovare nulla acquista da un piccolo negozio invece che in una catena. La pianificazione del menu può essere un gioco da ragazzi: zuppa e baguette fatta in casa possono essere di grande aiuto, oltre al classico zampone e lenticchie (meglio se coltivate)

I fiori non devono essere esotici. Se sei impreparato sui fiori come centrotavola, sono belli ma ricorda di sceglierli sempre local. Incoraggia gli amici e la famiglia a portare a casa i fiori a fine serata, per evitare che vadano buttati.

Decora il tuo spazio usando i beni della natura. Le bacche invernali sono belle, specialmente se avvolte con spago o nastro e incollate sul retro delle sedie. Che dire dei rametti di agrifoglio o delle candele di cera d’api? Le opzioni sono infinite, ma devi essere creativo.

Dai gli avanzi agli ospiti. Non mangerai certo tutto il cenone di capodanno, perché l’abbondanza è tipica in questa notte, per cui invita i tuoi ospiti a portare con sé parte di ciò che avanza. Oppure invita nuovamente tutti per il pranzo o la cena del 1° gennaio.

Pulisci con materiali naturali. Questo dovrebbe essere un punto ovvio, ma vale sempre la pena ricordarlo. Ricicla quello che puoi, usa i fazzoletti di stoffa piuttosto che i tovaglioli di carta e cerca di evitare prodotti che abbiano dei componenti chimici aggressivi. Un po ‘di sapone e acqua possono fare molto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *